INCONTRO / CONFERENZA CON HANSJÖRG AUER E EMILIO PREVITALI

Edizione: 2013
Sezione: Nembro – Auditorium Modernissimo

Hansjörg Auer parla dell’isola di Baffin: «Scoprire il mondo. Visitare posti nuovi. Incontrare persone. Entrare in contatto con culture diverse. L’esplorazione è questo, per me. Infinite domande senza risposta, una dopo l’altra. Notti insonni, giorni di pianificazione, di studio, processi di ottimizzazione e di continuo, incessantemente nella mente, sempre le stesse domande, sempre: in quale parte della terra rimangono ancora spazi inesplorati? Dove è ancora possibile lasciare una prima impronta sulla neve? Dove si può godere del massimo isolamento? Esiste un luogo dove poter essere soli, senza compromessi, fuori da tutto e lontano da tutti, contando solo su se stessi e sulle proprie risorse?»

Hansjörg Auer
Vanta un impressionante numero di prime salite e importanti ripetizioni in Dolomiti, Patagonia, Pakistan, Yosemite, Norvegia, Oman, Colorado, Cile. Auer è diventato improvvisamente celebre anche al di fuori del mondo dell’arrampicata nel 2007, a ventitrè anni, quando ha salito in free solo la Via attraverso il pesce, 1200 metri, 7b+, ancora oggi considerata impresa di riferimento.

Emilio Previtali
Atleta professionista e giornalista, ha fatto della passione per la montagna e la neve il proprio lavoro. Memorabili alcuni numeri della rivista Freeride, da lui inventata e diretta per alcuni anni. Emilio oggi è la spina dorsale dello Story.teller Collective, con Matteo Vettorel e Damiano Levati. The Waiting Game è il secondo film realizzato dal collettivo.